Home » Posizionamento su Google » Lista di Mail per Email Marketing

Lista di Mail per Email Marketing

email lista

Lista di Mail per Email Marketing

Comprare Lista di Email

Acquistare liste di Email

Come fare Email Marketing

Tecniche di Marketing con Mail

Inviare Email Marketing

Comprare Campagne DEM

Pubblicità tramite invio Email

Consegna della lista in 2-12 ore


Scegli se Mail Italiane o internazionali
Inserire Mail Dove Inviarle



Forniamo lista di Email per fare Mail Marketing e DEM a scelta Italiane o internazionali, velocizza il tuo Business e fatti conoscere rapidamente con l’invio di Email pubblicitarie o conoscitive, noi offriamo questa lista di Mail per permettervi di inviare rapidamente Email pubblicitarie cosi da acquisire nuovi clienti interessati ai vostri prodotti o servizi. La lista sarà inviata in formato Excel o Blocco Note cosi da permettervi un rapido copia incolla.

Cosa proponiamo

100.000 Email Italiane Privati aziende

100.000 Mail Italiane Aziende, Imprese, Professionisti, ecc, ecc

7 Milioni di Mail di aziendali Stati Uniti
9 Milioni  Email Facebook Mondo
32 Milioni di Mail da tutto il pianeta
Su richiesta forniamo anche liste di Email selezionate per settore o provincia, ad esempio Hotel Roma, ecc, prezzo 8 EURO ogni 1.000 Mail.
Come fare Email Marketing

Un ottimo metodo per allargare il cerchio della propria clientela e costituita dalla cosiddetta E-mail Marketing.

Ma guardiamo in faccia alla realtà, ogni giorno quante e-mail commerciali vengono cestinate o finiscono nella cartella spam? tantissime.

Questo perché l’utilizzo massiccio e massivo dell’e-mail a scopo pubblicitario e promozionale è utilizzato nel modo sbagliato ovvero la campagna ad esso dedicata non é studiata in modo tale da attrarre l’attenzione dell’utente a cui è destinata. Il content marketing e l’oggetto sono superficiali, non si bada all’utenza a cui è destinato, propinando lo stesso contenuto ad una moltitudine di utenti, non si è curata la creazione di una adeguata newsletter.

Ma questi sono solo alcuni degli aspetti che concorrono, se mal gestiti, a far fallire una campagna di marketing via e-mail.

Quale è allora il metodo giusto? Di seguito proveremo a sintetizzarlo.

Il primo elemento indispensabile è la newsletter.

Avere una adeguata newsletter vuol dire incrementare il traffico verso i nostri contenuti con la certezza di poterlo veicolare esattamente dove vogliamo senza restare in balia del motore di ricerca che nel frattempo indicizzi le nostre pagine, nello specifico, orientarlo verso la nostra landing page.

Il metodo migliore e veloce è quello di acquistare liste di Email pronte all’uso. In questo modo si otterrà un buon passaparola che porterà traffico sul sito principale e sarà in grado di rendere possibile all’azienda l’acquisizione di altri contatti da fidelizzare, attraendoli, per esempio, con un preventivo gratuito in cambio della loro iscrizione alla newsletter.

Perché questo metodo funziona? perché si gioca sull’interesse già risvegliato negli utenti che ci conoscono da tempo, su piazze virtuali in cui abbiamo in precedenza avuto modo di circoscrivere un target ed i suoi relativi interessi e dove abbiamo la possibilità di attingere ad un vastissimo bacino di utenza. Creando una newsletter con questi contatti, avremo una buona percentuale di raggiungere un pubblico potenzialmente interessato, che non cestinerà l’e-mail o non la contrassegnerà come spam senza nemmeno aprirla e che andrà a costituire la nostra “Lead Generation” ovvero gli iscritti costanti e qualificati a livello di target alla nostra newsletter.

lista email marketing

lista email marketing

Secondo elemento, il content marketing.

Creata una adeguata newsletter bisogna pensare al suo contenuto. Quando si è in possesso di una mailing list interessata, sia pure potenzialmente, bisogna renderla responsive; qui entra in gioco il contenuto il cui unico scopo deve essere stimolare l’attenzione di chi legge, non semplicemente propinare promozioni od offerte. E’ buona norma personalizzare l’e-mail in base al target di appartenenza dell’utenza a cui è inviata pertanto sono preferibili i semplici testi, senza abusare di immagini o allegati; inserire offerte dedicate, informazioni sui nuovi prodotti, specificandone il perché potrebbero rientrare nell’interesse dell’utente, offrirne il test o un periodo di prova gratuita o magari semplicemente convogliare l’interesse mediante un questionario in cui quell’opinione sarà utile al miglioramento costante dei propri prodotti aziendali, in sintesi, utilizzare lo strumento della call to action; rendere la mail inviata utile agli occhi di chi legge, specificando inoltre dove è stato reperito il suo indirizzo e-mail ed inserendo il link per cancellarsi dalla newsletter.

Una volta guadagnati iscritti alla newsletter bisogna tenerseli stretti. A questo scopo entrano in gioco gli autorisponditori. Questi strumenti ovviano efficacemente al problema dell’invio massivo di e-mail automatiche recanti lo stesso contenuto che può arrivare più volte allo stesso iscritto, monitorando per singolo utente quale mail abbia già ricevuto e quale no e provvedendo a recapitare quindi una mail diversa ogni tot tempo stabilito per gli invii.

In conclusione, lo scopo di una newsletter è la conversione del visitatore in cliente. Se pensata ad hoc in termini di originalità e gestione, i profitti non tarderanno ad arrivare.

 

Servizi simili

Creare Video Aziendale Professionale Animato

 

Posizionamento su Google Pacchetto SEO

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Name *
Email *
Website