Home » Blog » Scelta delle etichette migliori per sito web

Scelta delle etichette migliori per sito web

Scelta delle Etichette migliori per sito web 

Chi è in procinto di aprire un nuovo sito web, oppure vuole raggiungere un consistente numero di post nel lungo periodo, senz’altro si sarà domandato come gestire al meglio vecchie e nuove etichette o “tag”, i contenitori virtuali che ci permettono di contestualizzare e riconoscere a colpo d’occhio quali sono gli argomenti portanti del post che stiamo preparando, favorendo la sua catalogazione e la ricerca immediata da parte dei nostri lettori.

Come organizzare e scegliere i tag al meglio, quindi? Una delle regole base da cui partire è la ricerca della frequenza d’uso delle etichette che vogliamo predisporre. Dovremo quindi domandarci se il tag verrà utilizzato almeno 3/4 volte nei prossimi mesi, e di non lasciarlo naufragare dopo essere stato impostato una sola volta, dando l’impressione di improvvisare i contenuti del post.

scegliere i tag etichette

Numero adatto di Tag

La sovrabbondanza di tag, così come la loro assenza, può essere spesso problematica nei confronti dei webmaster e dei creatori di contenuti, in quanto i motori di ricerca potrebbero penalizzare l’eccesso di categorie oppure non attribuire un ranking elevato agli spazi web che viceversa presentano poche o nessuna categoria, facendo le debite proporzioni con il numero di articoli scritti.

Scegliere le Keyword 

Cerchiamo inoltre di concentrarci su keyword interessanti per il pubblico, e che esprimano in estrema sintesi (dalle 2 alle 4 parole) il succo del discorso che stiamo affrontando. Il lettore sarà così più incentivato a ricercare tag simili, traducendo questo comportamento in una lettura più prolungata dei nostri post. La pratica di scegliere tag di valore “universale” permette inoltre ai post correlati di farsi strada nella mente dell’utente, che verrà incuriosito a sfogliare le categoria alla ricerca di risposte che possano interessargli.

Contenuti di successo

Differenziamo infine i nostri tag al meglio evitando i duplicati e le ripetizioni inutili, concentrandoci sul nome dei brand e dei comportamenti di cui stiamo parlando nei nostri post. Questo consentirà anche agli utenti di creare liste ragionate in merito ai contenuti che sta seguendo, aumentando la possibilità che in futuro torni a documentarsi presso di noi.

Tag correlati 

Ciò favorisce anche la presenza di tag correlati, che possono dare luogo alla cosiddetta “folksonomy“, ovvero il fenomeno per cui i contenuti vengono taggati facilmente anche dai lettori stessi, favorendo la distribuzione e la diffusione dei contenuti anche su social, aggregatori e piattaforme in cui la condivisione è al centro delle attività dell’utente.

Conclusione

Come vediamo, organizzare coerentemente le etichette di un blog è una pratica che a lungo andare può decidere della popolarità e del trust del nostro sito da parte dei motori di ricerca: cerchiamo quindi di dedicare un pensiero a questa attività, al centro della stesura di contenuti di qualità nella maggioranza degli spazi web.

 

Servizi proposti

Prima pagina dei Motori di ricerca Google

Recensioni Google

Posizionamento su Google SEO